BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA
Visualizzazione post con etichetta Sicilia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Sicilia. Mostra tutti i post

giovedì 21 giugno 2018

La città babba

La città babba (stupida, ingenua), così viene definita Messina e i suoi abitanti Buddaci (dal nome di un pesce dalla.bocca larga), cioè chiacchieroni, buoni solo a parlare.

Una diceria che si addiceva visto che agli occhi di tutt,  la mafia era avulsa dalla città di Messina almeno in apparenza anche in virtù del fatto che non è mai stata rappresentata all’interno della Cupola mafiosa.

Un alibi, quello della citta’ “babba”, dietro il quale i messinesi si sono trincerati negando per anni l’esistenza di una presenza mafiosa nel.loro territorio facendo si che l’omerta’ fosse complice della criminalità che ha potuto in tal modo condurre i suoi loschi affari, tanto a Messina non succede mai nulla.

Una opinione del tutto fuorviante poiché è stata la città più furba nella quale le organizzazioni criminali operanti hanno saputo mimetizzarsi riuscendo ad operare sotto traccia senza l’eccessivo clamore rispetto ad altre città siciliane, riuscendo in tal modo a crescere e svilupparsi

Territorialmente strategica Messina è interessata da influenze criminali sia da ‘ndrine calabresi cone i Nirta-Strangio sia dalle famiglie palermitane che allungano i loro tentacoli fino al parco dei Nebrodi sostenendo i clan barcellonesi e tortoriciani, come  i clan catanesi Santapaola-Ercolano, Laudani e Cappello che controllano attraverso affiliati in loco, la zona sud della città soprattutto  tramite estorsioni  dediti al controllo delle attività turistiche.

Nel silenzio la mafia ha condotto traffici di armi e droga, estorsioni, gestione di scommesse clandestine ma soprattutto è riuscita ad infiltrarsi nel tessuto economico sociale della città arrivando a gestire appalti edili, servizi e rifiuti.

I pochi boss messinesi sono osannati dal loro popolo come accadde nel 1994 in occasione dell’arresto del numero due della mafia messinese Sebastiano detto  “Iano” Ferrara, poi pentitosi, boss del quartiere Cep che fu portato via tra gli applausi ed il sostegno degli abitanti del quartiere vera fortezza della mafia cittadina.

La sua vera forza non erano le armi ma la gestione  degli appalti grazie ad appoggi policiti di esponenti DC e PLI.

La provincia di Messina non è stata immune da episodi delittuosi di stampo mafioso: Graziella Campagna diciassettenne, impiegata presso una lavanderia uccisa nel 1985 perché aveva rinvenuto un pizzino in una giacca riportante la vera identità di un latitante presente nella zona di Barcellona Pozzo di Gotto.

Il giornalista Beppe Alfano cronista integerrimo per La Sicilia ucciso nel 1993 il quale aveva portato alla luce gli scandali legati all’Anas, traffico di armi e i collegamento tra la mafia messinese e le istituzioni. La sua morte forse è legata anche alla presenza del boss Nitto Santapaola che trascorreva la sua latitanza a 30 mt da casa

Matteo Bottari, medico e professore universitario ucciso nel 1998  per la sua parentela con l’ex rettore dell’Universita’  Cuzzocrea. Le. Indagini portarono alla scoperta della compravendita di esami all’università cittadina da parte di ‘ndrine calabresi.

Non da ultimo il caso del medico barcellonese,  l’urologo Attilio Manca, ucciso a Viterbo nel 2004 probabilmente perche’ si recò in Francia ad assistere Bernardo Provenzano, omicidio ancora senza giustizia e verità.

Una città che non si fa mancare nulla nemmeno a livello di presenza di logge massoniche. Da una stima, sempre al ribasso poiché non tutte le logge forniscono gli elenchi degli iscritti, sono presenti circa 500 liberi muratori.

Il Grande Oriente d’Italia vanta la presenza di 11 logge a Messina, 2 a Barcellona Pozzo di Gotto, 1 a Taormina e 1 a Torrenova. La scissionista Gran Loggia Regolare d’Italia è operante con 4 officine e un centinaio di iscritti mentre, la Gran Loggia Tradizionale d’Italia ha 2 officine presenti in città.

È più che plausibile che, con una simile massiccia presenza massonica, le stanze del potere messinesi possano essere condizionate dai numerosi interessi da parte della fratellanza massonica.

Un territorio strategico quello messinense, che grazie al connubio mafia-massoneria è in grado di gestire e condiizionare la vita politica economica e culturale di una città non più babba.

giovedì 14 giugno 2018

Caporalato in Sicilia: gli immigrati schiavi

Lavoravano per 3 euro all’ora nelle campagne di Marsala e di Mazara del Vallo, ricevevano pane duro a pranzo e a cena, venivano sfruttati anche per 12 ore al giorno

. E’ quanto sono stati costretti a subire diversi lavoratori immigrati, clandestini e regolari, reclutati da due agricoltori di Marsala (Trapani), padre e figlio, rispettivamente di 68 e 35 anni, arrestati oggi dalla Polizia di Trapani.

I due sono finiti ai domiciliari su ordine del GIP di Marsala con l’accusa di sfruttamento della manodopera aggravato e in concorso. Il Giudice ha disposto anche il sequestro preventivo di due vigneti e di un vasto oliveto, di proprietà degli arrestati, dove venivano fatti lavorare gli immigrati.

Le indagini della Squadra Mobile, coordinate dalla Procura della Repubblica di Marsala, sono durate sei mesi e hanno accertato che i due “caporali” sfruttavano gli immigrati facendoli lavorare non solo nelle loro aziende, ma anche mettendoli a disposizione di altri agricoltori di Mazara del Vallo e di Marsala. Quasi ogni mattina andavano a prelevarli con le loro macchine e li portavano nei campi per fare la vendemmia, la raccolta delle olive, della frutta e della verdura.

Sono state le intercettazioni e le telecamere installate dagli investigatori a inchiodare i due responsabili. Padre e figlio svolgevano rapide ‘contrattazioni’ con gli immigrati sulla paga oraria, sulle ore di lavoro e sul cibo e decidevano quale lavoratore impiegare: chi “faceva troppe storie” sul compenso o sul cibo veniva subito “scartato”.

Dalle indagini della Polizia di Stato è emerso che gli arrestati sfruttavano la manodopera almeno da tre anni, facendo fare turni di lavoro massacranti che iniziavano alle 5 del mattino.

Tre euro era la paga oraria massima oltre alla “mangiarìa“, cioè il panino che i due “caporali” davano ai lavoratori come pasto della giornata, non sempre previsto se la paga era un pò più alta. Spesso, però, il pane era duro e scarso; per questo motivo, alcuni degli immigrati sfruttati si lamentavano, chiedendo almeno del pane più morbido e più abbondante.

I terreni sequestrati dalla Polizia saranno confiscati dallo Stato, perché utilizzati per compiere il reato di sfruttamento della manodopera.

Loro si facevano chiamare “padrone“, e agli immigrati ridotti praticamente in schiavitù avevano assegnato i nomi dei giorni della settimana, come il “Venerdì” di “Robinson Crusoe”, il romanzo del ‘700 di Daniel Defoe. Dalle indagini è emerso che i lavoratori si rivolgevano ai due uomini chiamandoli “padrone” e, questi, a loro volta li chiamavano con i nomi della settimana: “giovedì” era il nome assegnato ad uno degli uomini sfruttati.

Gli immigrati venivano prelevati da un capannone nelle campagne di Marsala, dove vivevano in pessime condizioni igienico sanitarie, o erano reclutati direttamente nei centri di accoglienza per migranti.

martedì 12 giugno 2018

Non solo Leoluca Orlando Sindaco di Palermo

Cari Sindaci, vari e sparsi…………
Signor Sindaco di Palermo: è vero che gli immigrati saranno intorno al 4% scarso della popolazione palermitana, che sono per lo più del Bangladesh, India, Ghana, Filippine, questi ultimi arrivati quando in Italia e Palermo in particolare li assumeva come persone di aiuto in casa, (alcuni lo trovavano snob, gli imbecilli non mancano mai, altri perchè in effetti davano speranze ad un popolo, dove anche la natura è contraria), tutti hanno la loro comunità, tutti arrivati quando si poteva accoglierli e dar loro speranze. Molti hanno aperto negozietti, importano i loro oggetti, abbigliamento, tessuti ottimi , ristorantini, altri continuano come aiuto nelle case, altri ancora lavorano presso distributori di benzina c’è chi si è fatto una strada, ognuno si è integrato, fatto crescere i figli, studiare…ma erano tempi diversi, c’era lavoro, c’era la possibilità di garantire loro un lavoro : dignità e rispetto. Molte comunità hanno mantenuto le loro abitudini, tradizioni….e nessuno da nessuna parte si è mai intromesso, men che mai criticato e con rapporti di amicizia.
La mia domanda Sindaco è questa: tutti quelli che vedo ciondolare davanti ai negozi con cappello in mano (cellulare e cuffiette), tutti quelli che sono ai posteggi, oltre al “gratta e posteggia” ci sono pure loro, tutti quelli che la notte agitano alquanto il centro storico, tutti quelli che vendono merce contraffatta, tutte quelle che passeggiano nel parco della favorita a qualunque ora del giorno, tutti quelli che….. che garanzie possiamo dare a queste persone?Caro Sindaco lo sai meglio di me che non sono censiti nel quasi 4% di cui ti vanti, tutti questi sono “battitori” nel senso più ampio del termine, liberi e lo sai, come lo so io…la spazzatura sommerge la città, nei cassonetti “razzolano italiani” visti da me e mai fotografati per rispetto nei loro confronti, ..caro Sindaco non siano forse razzisti con noi stessi? Si..lo siamo..perchè ci vuoi prendere in giro. Prendere in giro non solo noi che siamo oberati dalle tasse comunali di un comune che fa acqua da tutte le parti, ma anche questi delle comunità che si sono formate in tempi passati e sono sicuramente produttivi ed in tempi in cui a conti fatti la fame non uccideva nessuno ad iniziare dai tuoi concittadini.. Caro Sindaco, il limite c’è….i tuoi concittadini e le Comunità consolidate credo proprio che te lo chiedano..
Altri Sindaci :non è che la vostra apertura sia data dal fatto che sono braccia da far morire nelle fonderie, nei terreni agricoli, nelle acciaierie, nelle cave…tanto nessuno se ne accorge? Sospetto mi nasce…
Riccarda Balla

domenica 10 giugno 2018

Cosa Nostra e il mistero del furto della Natività

Pioveva a  dirotto quella notte del 17 ottobre del 1969. Anche il tempo  non fù clemente, permettendo ai ladri di entrare senza essere visti nell’Oratorio di San Lorenzo a Palermo e di rubare la “Natività” di Caravaggio. Non ci volle molto: con un coltello la tela venne staccata dalla cornice.

lunedì 14 maggio 2018

una foto...

La foto più bella…perchè la più bella? Senza nulla togliere alla foto simbolo ” Borsellino -Falcone”, un simbolo di onestà, giustizia, pulizia, mai tale simbolo in realtà tanto vilipeso in un’Italia di intrallazzi e falsità..ma torniamo alla mia foto: rappresenta due persone assolutamente normali, ad un tavolo di un normale ristorante, con quel non so che di “siedi, bevi e sii lieto”, due persone politicamente non sulla stessa linea, ma sulla stessa linea di cultura, una cultura fatta di: coscienza dell’essere per bene, dell’operare con semplicità, lealmente, guardando in faccia la realtà, difficile ma con la consapevolezza che non va temuta bisogna combatterla, combattere le cattive abitudini, tutti e due sanno che sono innate, incancrenite, dilaganti, senza più confini né barriere, uno le combatte sul terreno, l’altro scrivendo, entrambi sanno che forse saranno perdenti, non hanno l’ottimismo di Pirandello, o le spalle coperte come il Prefetto Mori di antica memoria, tutto è mutato è caduto verso l’assoluto non solo qualunquismo o ignoranza, ma verso il degrado e verso una politica fatta di imbrogli, di denaro sporco e tanto malaffare…
Sciascia, surclassato oggi…lascio perdere il nome, non ne vale la pena, i cui scritti sono si graziosi, ma nulla hanno a che vedere con la profondità di Leonardo, nulla hanno a che vedere con le sue verità, ma sono scritti fatti di ovvietà e frasi fatte e ripetute gag, divertenti e di facile presa…Sciascia cade lentamente nell’oblio, siamo stanchi e cerchiamo chi ripete il nulla.
Cosa hanno queste due figure quindi di particolare, di unico, di vero? Hanno qualcosa di estremamente profondo, sono due persone che insieme stanno raccontandosi, stanno forse anche ridendo di se stessi, perchè sanno che l’unica è ridere o meglio: forse Borsellino crede ancora di poter cambiare il mondo, di farcela, ha ancora fiducia, è un combattente, come Falcone…l’altro, Sciascia è molto più dubbioso, non crede, è uno scrittore, forse conosce di più l’ intrinseco animo degli uomini, della terra di Sicilia, della politica…Paolo è azione, tanto d’azione che fino alla fine crede, tanto da non cambiare le abitudini…fiducioso….o forse ….non so, ma la foto è semplicemente splendida. Due grandi intelligenze, quando intelligenza è diverso da politica….
Riccarda Balla

mercoledì 9 maggio 2018

Forse : Traditi Eccellenti

Come ogni anno inizia, ora più che mai,  in quel del nostro Paese le giornate dedicate per non dimenticare i morti innocenti per mano della mafia in combutta comunque con tanti che parteciperanno alla "messinscena"…morti perchè si erano messi di traverso al potere mafioso e non solo…Peccato però che in qualche maniera continuiamo a vedere le stesse facce o parenti prossimi  e/o quei politici che in fondo con la mafia hanno sempre stretto rapporti econtinuano ad imperversare…Peccato perchè oggi, domani, dopo domani tutti ripeteranno le frasi dette e stradette (forse si, forse no, la fantasia poi corre), questi anti-paladini, anti perchè il termine paladino ha perso la sua purezza ed in Sicilia i paladini hanno quel non so che di torbido. Tutti ricordano o quasi, rigirano le storie, fanno “comparsate”, arriveranno gli studenti, quegli stessi studenti a cui è stata distrutta la scuola per tenerli a bada, le possibilità di un futuro, tranne che non si sia dei geni o con possibilità di andarsene a studiare fuori e rimanere poi all'estero …le cui sorti sono legate ad insegnanti volenterosi, bistrattati come se fossero rei di voler insegnare cos’è la ribellione verso uno stato di cose melmoso, ipocrita e perfettamente integrato con il malaffare, la convenienza, gli affari e o la paura.
La Sicilia del degrado politico, di periferie abbandonate, sporche, simbolo di un deterioramento morale ormai senza confini,  in mano a troppi legati ad un modo di intendere molto disonesto che si tramanda da generazioni, evolvendosi comunque…già sono loro ad evolversi nella certezza sempre e comunque di avere buoni amici ed essere buoni amici, la politica..e che le giornate dei “morti” che in vita hanno dato fastidio e molto, tanto da abbandonarli, ma si sa da vivi  magari non si è sopportati, ma da morti...quante cose sdolcinate vengono dette, sono solo giornate di grande ipocrisia. 
Oggi tutto è molto tranquillo, tutto corre liscio…tutto va secondo regole e linee prestabilite. Poi va bene. fare le giornate è un piccolo contentino che viene dato ai pochi onesti innocui o a chi si riempie il petto con : io ricordo….per tirare su like. Sono stati uomini, “morti eccellenti”, traditi da tutti, meglio forse dire “Traditi Eccellenti” stare zitti ne guadagneremmo in dignità: li stiamo svendendo anche da morti…..basta guardarsi attorno,basta vedere le facce, i salti di barricata, le confessioni reali e/o finte, i tradimenti…tutto purchè quello che, questi esseri  speciali, fuori dalla melma che ha resistito e che resiste, hanno tentato di fare per giustizia e per rispetto nei confronti di uno Stato , non venga non solo ripetuto, ma nemmeno imitato..ed il monito è arrivato eccome a destinazione, tutti molto ubbidienti, senza vergogna. Si è vanificato tutto il loro lavoro, si è nascosto, insabbiato, modificato,creato anche  e vergognosamente dei sospetti, Questi siamo, Questi siete:  malafede e ipocrisia  ma si sfilerà seguendo un copione di ovvietà ormai consunto. Nel frattempo senza parlamento perchè? Beh...Bisognava far contento il "tronfio" tronfio anche quando  è andato a conferire con Mattarella, che anzichè prenderlo a calci nel sederotto, lo ha ascoltato, il tronfio che minaccia, il tronfio che piace tanto a chi "sta ancora bene" e non si danna l'anima per arrivare ormai a metà mese...già e nel frattempo l'Italia per bene muore
Riccarda Balla

mercoledì 2 maggio 2018

ragionano...loro si che ragionano

La mattina presto un gran brusio tra le piante, qualche schiamazzo, cippettio, gracchiamento…ma ponendo attenzione stanno commentando…Il gabbiano di ritorno dalla piazza, dove qualche irriducibile acquista un quotidiano dall’alto della spalla di questi ha letto le notizie e le riporta alla comunità. .. Ehii bbbzzz che si dice? Una tragediaaaaakkkkk! Mamma mia, se è sgraziato! Parli tu Corvette! Corvette? Chiede l’ ape? ZZZZitta, in tempi passati, quando si era intelligenti, colti e men che mai selettivi, non ti avrebbero detto niente, ma oggi nell’ipocrita mondo della tolleranza ti direbbero: Omofoba! Magari Apefoba! Hihi! Sentiamo le notizie! Hanno ridato vita a : Esodati, felici e contenti!! AAAKKKK! ZZZioè?   La Resais!Nata per accompagnare i lavoratori alle panchine dei giardinetti pubblici, Resais può utilizzare gli ammortizzatori sociali a tempo indeterminato o quasi….E dove li prendono i soldi? Pare che lo Stato debba milioni e milioni e milioni di euro!!! Quale Ssssstato? Questo Ssssssstato? Ciao, ma è mai possibile che sbavi sempre! Cara! Nel mondo degli umani spendono fior di quattrini per creme fatte con la mia bava! Cip-cip..ma per Stato intendono quella cosa dove i cittadini vanno a votare e poi due furbastri ed un presidente che vale quanto un moscerino mandano tutto all’aria? Zzziiiii!Craaack!! Non necessita offendere noi mosceeeerini!
Intanto veleggia e guarda un nobile falco…e commenta: miei cari amici, il mondo degli umani è uno strano territorio, dove l’ipocrisia degli altri nutre gli stolti e gli egocentrici… Cip -ciperò…che saggezza…Altre buone nuove.Larinae? Efffffffatelo parlare! Il gabbiano strilla! AAAllloraaaakkkk….Il Sindaco Orlando! Zi vuole il feroze saladino!!! bbzzzzitta! Ringraziaaak i cinesi per la loro silenziosa invasione e per dare lavoro a italiani e stranieri……Che è questo turbinio? Le rondini! Non sentite questo stridulio! Hirundinino: Io non ssssstrridulo….inssssettiino, …Volevo essssprimere il mio pensssiero: bravi i cinesini che fanno lavorare in ambienti malsani a tempo indeterminato cinesi ed appunto tutti gli allllltri, complimenti ed applausi ai cinesini che danno lavoro nei loro “negozi” ad italiani e non, sottopagandoli e a nero, bravi, bravi!!! Bravi i cinesini ed il loro evadere le tasse! Il Sindaco ha le idee chiare su ciò che è legalità!! E certo!! non c’è lo Stttttttato!
Però Hirundinino che tempra! Perchè gli si è spuntata la matita? Coccinellidae, per favore…
In Siciliiaaaakk! Tanti soldi messi qui e la per far contenti i vari scaldapoltrone all’Assemblea Riunita Arraffoni!  Braviiiii! Però che zzzente per bene! Complimenti per la ssssserietà!  Ma un contratto chiuso con Canaid Air per far fronte ad altri sciocchi come loro che danno fuoco? All’ assenza di lavoro? Zzzzioè alle cose importanti che riguardano i cittadini? Non c’è lo Stttatooo!! Giusto Hirundino, ma non ti arrabbiare, se non si arrabbiano gli italiani, perchè tu?
Ffffffatemi capire che succederà adessssssssssso? AlloraaaaaK! E sempre che strilla! Crack! Si tornerà a votare…Aaahhhh!…Gli italiani voteranno allora fino alla fine dei loro giorni!! perchè o voteranno Berlusconi e Renzi …o niente….Gli italiani dovrebbero andare alle urne e presentare dichiarazione di “non voto”! Se avessero l’intelligenza del falco! Ma gli italiani hanno il zervello in pappa, e i siciliani ssssono contenti della Resais e sopratutto ci credono! IMMMMBBECILLI!  Zzziaooo! Leonida Calabrone! Vi ricordate l’invasione “silente” del punteruolo rosso tunisino? Certo che zzi! Ma cosa c’entra? La dimostrazione che gli italiani sono imbecilli!!! e chissà se c’è qualcuno che capisce che questi nostri brusiiii sono molto seri…
Vedo una bomboletta di DDT….
bbbzzzzzzzzzzzzzz…..

lunedì 30 aprile 2018

Triscina -Sicilia


Succede a Triscina (Castelvetrano), a dire il vero non succede o è successo solo a Triscina o solo in Sicilia , ma fa comodo così, della serie che a volte uno deve pagare per tutti, il classico capro espiatorio...ma torniamo alla vicenda: Triscina spiaggia e luogo di villeggiatura di Castelvetrano, l'onta del Comune è di aver dato i natali alla stirpe dei Messina Denaro, un recinto da cui il “capo branco” riesce sempre a trovare la via di fuga..va beh... Ma questa vicenda che ha il suo peso notevole in tutta la storia di mafia nazionale e forse anche nel carattere dei cittadini che ne sentono il peso, nel caso specifico in fondo è di sguincio. Triscina, la cui spiaggia non è certamente bianca polinesiana, l'acqua è gelida e torbida è una sua peculiarità, un'acqua con caratteristiche da terme, tramonti mozzafiato, dominata dalla splendida Selinunte, accanto la foce del Belìce e Marinella di Selinunte, molto carina, a parte le discutibili verande dei ristoranti a picco sul mare...Triscina nasce anni e anni fa, la legge Galasso dei 150 mt dal mare va un po' a farsi benedire, (ma non solo a Triscina)...sanatorie, forse si, forse no..insomma come in tante zone siciliane (e non), Triscina cresce e nessuno ovviamente se ne avvede per tempo bloccando sul nascere...no..no...l'Italia è un paese di ciechi...poi un bel giorno a distanza di anni un principe va a dare il bacio a qualche dormiente e: ooh...Cielo! Obbrobrio...ecc. ... peccato che sono sonni trentennali e nel frattempo i funghi sono cresciuti.
Ma Castelvetrano oggi, comune sciolto per mafia, deve dimostrare di essere un Comune quasi Norvegese, più che golfo un fiordo...Così si decide l'abbattimento di 95 villette circa, quelle che non rispettano i 150 mt dal mare, si indice la gara d'appalto, le imprese devono possedere la white list, perchè territorio ad alta densità mafiosa , è uno dei rari Comuni ad esserlo!!! Poi è come se fossimo in Lapponia.
Le spese per l'abbattimento saranno ribaltate ai proprietari, che è un bello scherzo!...Ora: al di là che dopo 30 anni mi pare una presa in giro, ( non è l'unico caso), ma serve per dimostrare l'intendimento di essere puliti! (almeno in tale sito). Politica contorta! Matteo Messina Denaro continua a vagare comunque..
Quindi un'impresa vincerà: il materiale dove lo smaltirà? Non mi pare che sia specificato nulla a riguardo. Ah si notte tempo nella vicina Selinunte, si confonderà con i resti, poi se la vedrà Sgarbi con il puzzle..Il ripristino dei luoghi? Non ho letto nulla che specifichi come verrà effettuato il ripristino dei luoghi..quindi rimarrà un'offesa ecologica ancor peggiore, poi essendo in fondo anche la rappresentazione di sacrifici economici,comunque, non è detto che i cittadini la prenderanno poi tanto bene e al di là del bollo imposto da Matteo Messina Denaro, vorrei vedere se la cosa venisse accettata anche da chi è puro, purissimo...perchè oltre all'abbattimento c'è il pagamento che si aggira su somme non indifferenti, in un momento tra l'altro dove a Castelvetrano e ovunque in Sicilia il lavoro è azzerato e magari la villetta è anche fonte di reddito, perchè viene affittata, ricordo che è zona di vento amata dai surfisti e kitesurfer...
Allora, ragionando con una logica anti - ecologista, anti – sole che ride, anti dimostrazione: vedete che siamo diventati ligi alla legge ligi (dopo 30 anni!), non sarebbe meglio a questo punto imporre con tempi anche stretti delle regole ben precise: le costruzioni tutte bianche, imposte ed infissi tutti uguali, le tende parasole anche, via strane costruzioni sui tetti (prerogativa sicula).., recinzioni stesso stile per tutte, piantumare bouganvilee, e piante che danno colore , falsi pepi che crescono velocissimi e nascondono, vasi con fiori, ma sopratutto: uniformare il più possibile colori e rifiniture, evitando arlecchinate di gusto più o meno pacchiano, chi non si adegua: perde la casa a sue spese.....
Poi da oggi in poi...evitate cari politici ed impiegati vari dei comuni, assessorati e tutti coloro addetti a rilasciare autorizzazioni di non vedere perchè fa comodo e svegliarvi dopo 30 anni..perchè correttezza vorrebbe che ad essere puniti dovreste essere proprio voi. Forse così lo Stato darebbe un segnale di ragionevole comprensione, anche perchè la colpa appunto non è proprio soltanto del cittadino, ma di uno Stato incredibilmente disattento, incorrere in un controproducente muro contro muro ed evitare il rischio di qualche atto che potrebbe verificarsi dovuto a disperazione o rabbia.


Riccarda Balla



white list e sentirsi un po' fesso.

La dimostrazione che la politica è una gran presa per i fondelli, o meglio è molto selettiva e direi quasi con benevoli o malevoli occhi a seconda di cosa fa più comodo e a chi, inoltre ognuno può interpretare le leggi, le virtù, i pregi o i loro opposti come vuole:  è la nostra politica! La white list ne è un esempio, cos'è? L'impresa deve dimostrare di non avere avuto né di avere infiltrazioni e legami mafiosi, si intendono nel caso specifico sia diretti che indiretti, la cosa che più è carina è che la white list è rimasta ai tempi direi quasi della mafia “rurale” ovvero riguarda solo noli a freddo e caldo; Confezionamento, trasporto calcestruzzo e bitume; fornitura ferro lavorato; estrazione e trasporto materiali per conto terzi; smaltimento rifiuti; guardiania cantieri; insomma come se la mafia non avesse nel contempo ampliato il suo vasto giro di affari, non avesse intrapreso altri legami, non si fosse allargata ed entrata in quasi tutti i campi, incluso il politico/finanziario, imprenditoriale ad ogni ed alto livello, ecc. ecc...ecc. (diciamo che vi è sempre stata interessata a dire il vero...).
Comunque la white list pone un piccolo limite poi per tutto il resto è il paese di bengodi,  quando e come è richiesta? Bene solo se si trova in zone ad alto rischio di infiltrazioni mafiose....e qui si cade nel giudizio dei locali politici del luogo, prefetti, uomini di governo....o pubblicità negativa più o meno martellante come nel caso di Castelvetrano e non si può far finta di nulla e pare che sia uno dei pochi posti sicul-italici, l'unico! dove vige la necessità di imprese con white list, sempre per le limitate attività di cui sopra,  per partecipare ad appalti (vedi futuro scritto mio su demolizioni villette a Triscina...).
Si la White List, viene quindi richiesta non sempre e per qualunque luogo, ma solo su discrezione e solo per determinate attività imprenditoriali, lasciando così largamente spazio a tutti, il che con i tempi di fame che corrono potrebbe avere un senso, invece no, non ha molto senso semplicemente perchè è una presa in giro sopratutto se ci si gonfia il petto parlando di antimafia, di gare d'appalto che sono un terno al lotto per evitare imbrogli (hehehe) e poi perchè come è facile comprendere il potere mafioso ha quel non so che di ricattatorio, di vendicativo e di corruttibile e spesso è anche utile amico, quindi arriva e fa quel che vuole...allora o la legge esiste a 360° e vale per tutti, per tutte e attività ed i luoghi, o stralciamola perchè chi possiede la white list a conti fatti alla fine si sente pure un po' fesso.
Riccarda Balla

domenica 7 gennaio 2018

Palermo......




La Sicilia, come è giusto sia, vive il suo inverno, più o meno neve, più o meno freddo, grandine e vento che spazza e spazzatura volante..la Sicilia  è tra le regioni più povere ormai, a parte l’ ARS e tutti i suoi “membri”, che rappresentano le sanguisughe..Ma torniamo a Palermo…secondo la pessima amministrazione comunale, pare che a Palermo sia una sorta di città dove vento, freddo e pioggia non esistano, non esistano i senza tetto, non esistano coloro che vivono nelle macchine, non esistano chi non ha più riscaldamento in casa, non esistano persone (guardate che sono persone e non cose!) che vivano in case umide, semi diroccate…Palermo, la città di tanti beni sequestrati alla mafia..in stato di totale abbandono e degrado, ( ma..sovente a distanza anche di 15 anni ritornano ai legittimi proprietari! Si!! SI!!!),  di una Curia che tiene ben chiuse le porte di eventuali “asili”…già la povera gente può morire dal freddo o di caldo…quando arriva, e tutti sappiamo che prima o poi arriva, si è impreparati, i volontari fanno quel che possono….mancano le cose  più importanti:  un’ amministrazione ed una chiesa che prevedendo in anticipo, non si lascino trovare impreparate…Impreparate? a cosa? Accidenti, certo a cosa? Pronti a fare bella figura con chi sta al caldo….ma dei senza tetto, (non importa la provenienza)…che ci frega…Così la città è pronta a fare la sua figura, discutibile, come sempre…Gli ultimi ricordati troppo tardi, e tanto per…Credo che sia l’Amministrazione Comunale che la Chiesa e tanti privati, quelli che del sociale ne fanno una moda, per intenderci, sappiano e conoscano bene le condizioni di degrado di tante famiglie, provvedere per tempo a loro e non affidarsi solo alla generosità di silenziosi privati che , parliamoci chiaro sono anche molto pochi…, facendo pervenire per tempo almeno coperte e generi di conforto e dare loro la possibilità di ripararsi…ma noooo…dura poco qui l’inverno e poi torneremo a schiattare dal caldo! Insomma cari senza tetto e persone che vivono in stamberghe di fortuna, in realtà e sappiatelo bene, tutto il “sociale”, i servizi, gran parte di associazioni, Assessori, e Sindacooo! preti e Vescovo  e sette varie, governatori di quest' Isola, di voi se ne impippano, Vi sfruttano per farsi belli, e questo è il colmo!  Battiamo le mani!! Battiamo le mani a chi non rinuncia ad un solo centesimo, a chi è convinto che essendo onorevole, abbia diritto a campare sulle spalle della gente, a chi ci prende per i fondelli dicendo: non abbiamo inverno, oggi abbiamo per esempio 20° e vento da sud-est.. già vento forte..quindi si può morire dal caldo.
Lasciatevi prendere in giro, da chi professa dall'alto...professa ovvero parliamo a vanvera pro-fessi, tanto sono ombre silenti e Palermo è capitale italiana della cultura..solo che ancora non ha nemmeno pronti i siti di "presentazione"...ma vuoi vedere che magari tra i disperati di questa città divorata dai politici,ci sono persone anche preparate e volenterose? Ma sfortunate, non facendo parte del carro?..
Riccarda

mercoledì 3 gennaio 2018

2018. Palermo e la cultura....



Siamo entrati nell'anno "colto" di Palermo, certo tralasciando ciò che Normanni, Arabi, Spagnoli, Florio...ecc. ecc. hanno lasciato, vediamo la Palermo colta: beh considerando ed escludendo la "spazzatura", destinata ora ad andare all'estero..ovvero paghiamo ed arricchiamo gli altri, a parte le strade dissestate, ormai vere trincee, tralasciando il traffico caotico, rumoroso, disordinato e maleducato, mettendo da parte i pirati che fuggono lasciando per terra cislisti...omettendo il particolare del pizzo...ed omertà, senza nominare le strade chiuse per lavori da qui all'eternità, evitando di nominare la metropolitana, dimenticandoci naturalmente la Palermo senza lavoro, trascurando l'aumento degli scippi,  alberi che cadono con il vento e marciapiedi sollevati di mezzo metro dalle radici di alberi, sterpaglie e le sempre presenti cacche di cane,  sorvolando sulle ville di privati che non potano piante spinose e rovi e fuoriescono dalle recinzioni invadendo i già malridotti marciapiedi. Senza tener conto che se per caso, qualcuno cerca di ridare un aspetto civile a qualche luogo abbandonato all'incuria dall'amministrazione, i cittadini stessi si preoccupano di fare atti vandalici, ovviamente i trasporti pubblici, vedi autobus più o meno puliti, sono dei mezzi che non hanno orari, forse nemmeno giorni...Scritte sui muri, scritte sui basamenti dei monumenti..

Il resto...denota cultura, direi che è quasi una  città dotta, erudita...diciamo che l'eredità storica ha lasciato il posto ad un insieme di "conoscenze" assai dubbie che vengono trasmesse di generazione in generazione...ovvero quale gruppo etno-culturale ha avuto la meglio? dare anche un'occhiatina alla sicul-politica non sarebbe male....

Palermo Capitale italiana della cultura...grazie al "molto"passato....Poi se si consente di colorare il teatro massimo o lo stabilimento a mare con luci inverosimili...va bene.. Poi mettendo da parte le inezie di cui sopra: bella si..colta non saprei.

Riccarda Balla

lunedì 13 novembre 2017

portatori insani di voti...


CHE SSSCHIFO..

Succede che per partecipare alle gare per appalti pubblici e ricevere i pagamenti dalla P.A. devi presentare il DURC, ovvero il documento che attesta la regolarità dei premi assicurativi INAIL , versamenti  dei contributi e regolari pagamenti delle cartelle esattoriali…ma bastava una mazzetta e tal Giuseppe La Mantia ex direttore INAIL di Palermo e Direttore INAIL Termini Imerese, passava DURC  fintamente in regola, favorendo quindi imprenditori senza scrupoli, legati alla mafia?’ NOOOOO…ma che dici mai! Ma che fossero a braccetto con il clan mafioso o meno, imbroglioni e farabutti comunque lo sono tutti.. Il giochetto è andato avanti per 5 anni..il che significa molto semplicemente e vergognosamente  che oltre alla truffa allo Stato. ma va beh..lo stesso truffa noi.., sono stati altamente penalizzati imprenditori onesti che partecipavano alle gare e questi cialtroni non in regola magari (e forse senza tanti magari..malgrado i paletti dell’ amico Cantone!, ma si trovano tutte le scappatoie, basta essere disonesti e corrotti), le vincevano alla faccia degli imprenditori onesti ed in regola, ora il soggetto a cui hanno sequestrato beni immobili e c/c come risarcirà gli imprenditori onesti che si sono fatti fregare dall’uomo del clan Madonia? La Sicilia mai cambierà? Finchè viene affidata nelle mani di portatori insani di voti, di vecchi volti…di tremebondi esseri che alla fine il mezzo sorriso al potere consolidato siculo lo fanno…un pò di viltà, la paura di fronte a questi esseri che hanno distrutto la nostra terra non è segno di saggezza, ma di schifosa viltà. Alla fine come sempre…gli onesti hanno pagato non verranno risarciti e magari in 5 anni qualche impresa onesta che ha sempre pagato tasse e balzelli vari, pur non lavorando…vincere una gara  secondo le “regole” di Cantone sarebbe stata la salvezza..il farabutto ed il clan Madonia sono responsabili anche dei fallimenti e della gente per bene che si ritrova senza  lavoro?  Si certo che si! Caro Cantone, puoi studiare tutto quello che vuoi ma di fronte a Mafia, corrotti e uomini di Stato venduti mi sa che prendi delle Cantonate. Più che mai penso che se le punizioni fossero pari a quello che si è rubato ed ai danni  a catena prodotti e molto più veloci e senza tanta pietà…molti forse eviterebbero, ma l’italia è così  il paese dei perdoni politico-interessati e degli amici farabuttamente utili.
Riccarda Balla

lunedì 6 novembre 2017

così è...se vi pare



La Sicilia…ben contenta di ciò che ha visto negli ultimi 25 anni, riconferma in toto il passato…meglio non correre rischi …rimaniamo pure così a conti fatti ci va bene, pare proprio che a conti fatti vadano bene tutte le magagne, a questo punto potevamo benissimo tenerci Crocetta…senza perdere tempo…perchè? come è semplice!  Ditemi voi in questi 25 anni la Sicilia in cosa è andata avanti..su…ditemelo? Una cosa è certa i vitalizi rimangono, che bello sono contenta per loro, la cosa effettivamente mi metteva angoscia, gli stipendi ed i costi del Castello d’oro anche, chi ne avrà benefici? Catania certo, ..Ha vinto la pseudo destra..certo è una vittoria di:  Grazie a me..ma no..grazie a me…ma cosa dici grazie a noi…insomma ognuno si sente il merito, ma sopratutto la grande gioia di aver fatto perdere (si fa per dire) il M5S,  la sinistra? che ci frega…ce li mettiamo in saccoccia…pensano. Hanno vinto con i famosi trolley di voti…in verità tutti lo pensavamo che sarebbe finita così, non nascondiamocelo:  non siamo mica Lapponi, siamo Siciliani e lo ammetta anche Musumeci, che fosse persona per bene lo pensavamo tutti, ora ce ne dia conferma con atto di sincerità. Poi ci sono quelli che contestano..come? semplice lasciando la decisione agli altri, non mi piace votare per il solito losco, ma non mi fido dei 5 Stelle, il PD è Renzi e Fava…mah… vado a mare va! Ecco, così siamo tutti a sguazzare nel mare…Non posso dire cosa sarebbe stato di diverso e certamente non lo potrò dire…mi rimane così il dubbio. Rimane la sicurezza che la Sicilia rimarrà ferma al palo, tranne che l’ostruzionismo dei 5 Stelle prenda vigore e non smortizzo come lo è stato con Crocetta, che argini il malcostume,  c’è chi ha votato tra l’altro per uno che ci ha sempre insultati, che a Napoli hanno spernacchiato, una tizia che parla, parla ma gli interessi suoi li sa fare, speriamo che restino fuori (anche Musumeci se lo deve augurare) e per un partito rappresentato in Sicilia da Miccichè…ed un uomo con qualche carico sulle spalle, anni 81..va bene…i saggi vecchi, ne abbiamo a iosa di questi…il quale pensa di mettere mano alla Giustizia…ma va là, e quanti applausi al Politeama,avete idea di chi c’èra la, sfido io: uno scroscio di battimani! … A proposito non ha dimenticato di dire “abolizione del bollo auto” sulla prima macchina….si perchè è il bollo che ci ha affamati, che ci ha tolto il lavoro, la Sanità senza risorse (gliele hanno fregate tutte), una rete autostradale da 5° mondo, 24000 forestali, che li facciamo ricadere tutti sulle spalle del Crocetta, no..no…ce li portiamo dietro da anni, ma gli incendi distruggono, negozi che chiudono, la Formazione una vergogna della politica ecc. ecc. …C’è una Sicilia che non ha temuto un tentivo di cambiamento, anche solo per dire: Ehi guardate che non siamo ubbidienti agli ordini! facciamo e decidiamo quello che vogliamo, siamo responsabili e liberi.
Alla fine cosa otterremo: beh i soliti: la Sicilia è Sicilia, mai cambierà, terra di mafia, corrotti,l’orami consunto termine di gattopardiani e qui i miei gatti mi hanno guardata di storto (in effetti è offensico per i gatti, i pardi ed i gattopardi) …non avremo alcun beneficio, staremo fermi dove siamo…anche se per caso dovesse vincere l’alter ego di Berlusconi alle nazionali (qui si giocano ordini ben più potenti, insieme al modello sudicio)), cosa avrà la Sicilia? Cosa ha avuto nel passato? non parlo dei “lecchini”…loro di tutto e di più…ma della gente normale, comune e purtroppo parte di questa non è andata a votare..perchè…perchè non ha creduto più alle promesse più o meno personali magari fatte in  passato e tradite? Non mantenute perchè facendo un pò di conti non portavano nulla o troppo poco per rischiare, mi sembra un’ipotesi non tanto barbina. I 5 Stelle?  forse non hanno promesso nulla in “privato”? e che parlano di legalità? in un terra (penisola compresa) dove l’illegalità ormai è padrona? E se fosse tutto oro quello che luccica? I rischi per un andazzo tutto siculo erano troppi per rischiare.  Alla fine tutto ricadrà sulle spalle di Crocetta, cioè ai suoi devastanti 5 anni aggiungeranno i precedenti 20, tralasciando i nominativi dei precedenti..già gli amici si rispettano…Così certi di non cambiare nulla brinderemo alla “continuità retroattiva”… e ci toccherà pure sentire Grillo e tutti i suoi improperi….Almeno abbia pietà e stia zitto per le vittime del “consolidato sistema” sudicio che piace al nordico.
Riccarda Balla

giovedì 2 novembre 2017

si voterà in Chiesa?



Ormai siamo alle strette, o strettisime…tutti temono tutti e ci si affida a Dio, no, ci si affida ai preti ed al potere che hanno questi sulle pecorelle smarrite che si raccolgono nell’ovile, ora la sinistra, laica…laica? va beh..corre in chiesa, interrompe (ma certi che il prete non ne sapesse nulla?)..si può interrompere il rappresentante sulla terra del Big Boss mentre celebra messa,  sono convinti di essere così importanti? Ma non è una prerogativa berlusconiana sentirsi al di sopra?… Comunque sia, senza offesa per il Big Boss che sta nell’ Alto dei Cieli che viene messo da parte da due banali figuri per la loro campagna elettorale: la duplicazione dei loro affari, il mercanteggiare i voti…e poi Dio li perdoni ancora, ma il porgere l’altra guancia l’ha suggerito lui..porgono quindi la guancia alla destra o simil destra..pur di non perdere la grossa partita… Dio caro,  ti ritroveremo  su manifesti elettorali un domani? già fai la pubblicità..e tuo figlio? qua in questa società i figli come rappresentanti dei “grandi” genitori sono tenuti molto in considerazione..ma come  gestiranno il Tuo quando furibondo urlerà: ” fuori dal tempio!” usando un flagello a 9 cordicelle, ovvero la potenza triplicata,   (quale tempio? mo’ sorge la domanda, ne esistono più? mi sembra che siano tutti pieni di mercanti e cambiavalute…), non vorrei, così giusto  quel tanto che basta per essere invisa agli ipocriti: che in realtà alla fine questo andazzo di cose in cui i Templi si arricchiscono, con prebende, benefici,  faccia si che in verità, in verità Vi dico: Vi hanno proprio messo fuori dalla porta e chiusa con chiavistelli, in fondo parliamoci chiaro un pò con i Vostri miracoli, i Vostri comandamenti, le Virtù e tutta una serie di obblighi avete scocciato, proprio scocciato mi pare, altrimenti quei due mediocri e vacui figuri sarebbero stati buttati fuori dal tempio con triplice potenza di calci, ma non che dall’altro lato si scherzi, anche da quel lato,  in verità in verità Vi dico che Vi utilizzano, come: prendendo le difese del “tempio” criticando e condannando l’azione ed arrovellandosi nel loro intimo:  accidenti non ci abbiamo pensato noi prima! eppure Renzi il suggerimento l’aveva dato!
Scusate mentre dialogo con le Signorie Vostre ne approfitto: ma Maometto è d’accordo con Voi? Ormai mi sto abituando ad accordi sottobanco e non mi stupirei più di nulla…A proposito ma perchè Tuo figlio ha scordato di dire che il cavaturaccioli era l’unica arma che considerava valida mentre trasformava l’acqua in vino?
La messa è finita, il 5 Novemnbre…andate in Pace e che il Signore aiuti le pecorelle smarrite a scappare dai pastori padri-padroni.
Riccarda Balla

venerdì 22 settembre 2017

Un Giudice...una caduta di stile e idee sulla civiltà

Succede che, in quel di Trento. un giudice perde le staffe e cade da cavallo, si in effetti ha una bella caduta di stile e professionalità.  Anzichè richiamare all’ordine, al rispetto, all’educazione l’avvocato che aveva alzato i toni forse dimenticandosi di essere in un’aula di Tribunale dai severi connotati asburgici…fa che dare dell’incivile a tutta Palermo, nonché  ai comportamenti focosi che si possono tenere in quel del tribunale di Palermo. Ora pur ammettendo che la città di Palermo è soggetta a comportamenti certo non civili da parte dei cittadini, pur ammettendo che come amministrazione sia alquanto allegra, considerando che il carattere dovuto al caldo, al sole e all’azzurro mare degli avvocati palermitani sia un pò focoso. caro signor giudice si doveva limitare a richiamare e riportare l’avvocato verso toni più consoni all’ambiente senza coinvolgere tutti i palermitani..se poi lei da abruzzese o molisano (decida lei cosa preferisce) trasferito in quel di Trento pensa di poter tranquillamente dare degli incivili a tutti coloro che non son di Trento, beh allora mi sa che un tantino selettivo lei lo sia.  La civilissima Trento e su questo nessuno mi dice che non lo sia, tranne forse per aver in quel del 2016 apprezzato alquanto e donato voti al PD di Renzi in cambio:
Libertà di sparare a specie protette. Libertà di caccia anche dentro i parchi. Il tutto in cambio di una mano alla campagna per il Sì al referendum da parte delle province autonome di Trento e Bolzano. Sul voto del 4 dicembre piombano le accuse al governo dell’Enpa, ente nazionale protezione animale, principale associazione animalista italiana.
Il Consiglio dei ministri di giovedì ha approvato un decreto legislativo che riconosce alle province autonome di Trento e Bolzano la competenza della disciplina della caccia e anche il potere di decidere se e come cacciare nei parchi naturali istituiti dalle province – civile tutto questo? …. è anche vero che: 
Un presidente della Regione fà il furbetto? paga a stretto giro di posta!..Il turismo va sempre alla grande..estate ed inverno…riescono a far convivere perfettamente il cemento creando strutture modernissime senza distruggere la natura attorno…e non disturbano la vista…fanno un ottimo vino…hanno una disoccupazione bassissima e questo “bassissima” li preoccupa…premiano le piccole aziende che mostrano di saper produrre, le iniziative sono aiutate..esiste lo Start-up.
Per i profughi sono riusciti a trovare una soluzione di integrazione, si sono preparati in anticipo…hanno capito che sarebbe stata un’emergenza notevole da affrontare..quindi studiare come affrontarla…penso che la mentalità asburgica abbia comunque fatto dire loro ai profughi: patti chiari ed amicizia lunga (che mi pare pure giusto!)…la soluzione:   dirottare  la presenza dei migranti nei piccolissimi centri, luoghi in cui il controllo sociale è forte e l’integrazione più semplice, sono piccoli centri con  rischio di spopolamento così le famiglie che ne fanno richiesta ospitano i profughi, che prestano il loro aiuto in cambio di accoglienza, curano il giardino, gli orti e fanno la vendemmia come stagionali, per ogni profugo accolto la somma è di circa 9.50 euro al giorno da parte della provincia, però alla faccia del resto d’Italia hanno il numero chiuso e ristretto a pochi, delle Onlus serie..hanno creato laboratori dove impegnano i ragazzi a creare oggetti tipo agende che vengono vendute ed il ricavato va a beneficio comunque e sempre dei profughi..tutto monitorato dalla Questura che comunica il numero di arrivi, dati ed informazioni ..Credo e penso che sicuramente hanno messo dei paletti ben precisi che una Regione Autonoma si può permettere..penso anche che il senso di solidarietà sia  questo: ti accolgo, ti  occupo, ti impegno, io rispetto te e tu rispetti me altrimenti i problemi sono tuoi. Nel 2016 i profughi in loco erano 1700 (circa) . La Regione Autonoma  di Trento è riuscita quindi a stabilire delle quote d’ingresso??  E’ una domanda che mi sorge spontanea….man mano che restituisci loro “una dignità” ne chiami altri?
Nulla da dire sul fatto che ahimè il resto d’ Italia si accolla i profughi di tutti gli altri Stati Europei..mi sembra.. tranne loro: i Trentini che hanno messo dei paletti, e forse anche dei mitra puntati…si caro Giudice nulla da dire sull’assoluta civiltà…ma le garantisco da sabauda quale sono che a Palermo sono si incivili ma  sicuramente più sorridenti e quella leggera forma di anarchia permette loro di ridere della sua affermazione pensando che in fondo sia un tipo molto triste e solo e a Trento panini con panelle sono difficili da trovarsi, civilissimo si..ma la caduta di stile l’ha avuta eccome!
Riccarda 

mercoledì 21 giugno 2017

Bella è la vita all' ARS!! Hiii hooo, hii hooo

Scecchi è di poco visti i pasticci che fanno e per giunta vengono aiutati da dei consulenti interni/esterni/interni (vanno e vengono che è una meraviglia!)…Palazzo dei Normanni è tutto un “pirtuso” da cui entrare. Ai consulenti che devono aiutare i vari “scecchi”, occorre comunque affidare a loro dei consulentini, perchè che sia chiaro occorrono di consulenza i consulenti che devono consigliare gli scecchi,  però,  siccome gli argomenti sono ostici meglio chiedere aiuto a qualche esperto, esperto comunque in altra materia, ma è un caro amico….Così è tutta una regalia di denari, poi grazie che non ci sono soldi per le cose importanti…Ci sono cose importanti? chiede lu Sceccu ‘nto linzolo….Più importante di dare una mano a capire, a leggere e scrivere ai vari assessori, on.li ed altri simili incompetenti? Non lo sapevo, quindi ci sono cose più importanti che tenermi buone le persone con bustarella in previsione di Novembre? Oh…bella questa!
Il problema dei Consulenti è che sono caproni, tanto caproni da fare corbellerie, pagati per farle quando già strapaghiamo i soggetti disagiati mentalmente che siedono sugli scranni! Ora necessitano dei vice – vice consulenti per dare un supporto alle corbellerie, mi sembra, mi sembra soltanto e potrei altresì sbagliare che da qui a qualche giorno si dovrà necessariamente chiamare degli esperti in truffe per dare un valido supporto….qui di vice in vice in vice sembra una catena di Sant’Antonio…Vicèèèèèèèèèèè!!! lascia la ramazza c’è bisogno di una tua consulenza!
Ad agosto andranno in vacanza tutti, avendo lavorato per circa 16 minuti in questi 8 mesi, costati un “futtio” di piccioli, avendo comunque in 16 minuti fatto danni incredibili da far impallidire l’uragano Matthew, ( il quale è in psicoanalisi), potrebbero rimanerci (rimanerci intendetelo come vi pare).
Lo so non lavorare e causare danni stressa, poi essere scecchi impone comunque quel non so che di rappresentanza….cameriera, parrucchiere, cuoca, cene in giardino, catering, manutenzione giardino villetta, auto, moto, motorino, bicicletta, iscrizione a circoli, estetista, palestra…pokerino, barchetta…poverini hanno tante spese… con tutti questi impegni come fanno a studiare un minimo..certo che urgono i consulenti ed i parenti dei consulenti…e poi appunto a Novembre ci sono le elezioni...Quindi patti chiaro/scuri ed amicizia lunga!  il PD avrebbe una 20 di periti (anche qui leggete come preferite) da proporre con obbligo…
Vicèèèèèèèèèèè prendi la ramazza!!
Riccarda

lunedì 19 giugno 2017

Ma....e se provenissero da altre Regioni?

San Paolo: « Sono messo alle strette infatti tra queste due cose: da una parte il desiderio di essere sciolto dal corpo per essere con Cristo, il che sarebbe assai meglio; d'altra parte, è più necessario per voi che io rimanga nella carne. »
Ora più o meno dal" biblico al nulla"....ragioniamo sulle prossime elezioni a Governatore della Sicilia? Quanti movimenti tellurici a nostra insaputa, piccole scosse che noi non avvertiamo mentre ci vengono comunicate quelle un pò più sostanziose, che per altro avvertiamo già da anni e che hanno comportato una distruzione della Regione Sicilia. Per ora armeggiano...far cadere Crocetta accollargli tutte le colpe, passate, presenti e future...Crocetta che,  se si dimettesse sarebbe come scornarli tutti..lasciandoli senza il "capro espiatorio"..si perchè Crocetta nella sua avventata gestione non è stato in realtà mai contrastato, fermato o consigliato...l'opposizione, come tutte le italiche opposizioni sono in realtà "finte", moooolto finte.
Cuffaro che armeggia da buon missionario fingendo comunque di non farlo anche se è sempre in mezzo con l' aiuto della stampa...a non dar consigli..che sia ben chiaro....semplicemente pontifica e suggerisce! (i vizi non si perdono).
 Lumia...beh...nell'assoluto silenzio gestisce tutti i movimenti...il suggeritore nel bene o nel male, il liquidatore dei soggetti che non gli sono più utili o graditi..Lumia il vero artefice di tutta la politica siciliana...E' un' ombra che si aggira. che si allunga, si allarga..come la maglia bernarda "ca sa slunga ca sa slarga" (in  sicul-piemontese)..All'orizzonte Grasso, piace a tutti praticamente, anche a Cuffaro..il che vuol dire...comunque tutti in attesa della sua decisione...già potrebbe dire di si...lasciare Roma e tutto il porcilaio, per venire a godersi casa, mare e sole....e chiudere così la sua carriera...ma è disposto a lasciare il porcilaio per un vespaio, un nido di vipere forse è meglio, ...chissà? O deciderà di godersi la Sicilia appendendo l'amaca e dondolandosi all'ombra e non più annacandosi, ma "ammacandosi"  tra politici di dubbia onestà, tra decisioni, prese di posizione, (quando lo ha fatto erano giuste...Ora Basta! Tutti dietro la lavagna!!! diceva..  Veleni, critiche e mai un applauso? Non so....è un uomo intelligente...il che è cosa abbastanza rara..anche Lumia è intelligente...ciò dimostra che l'intelligenza può essere utilizzata sia bene che meno...ma pur sempre è intelligenza, anche Fazio (Trapani) è intelligente...e dal mio punto di vista una persona intelligente è pur sempre meglio di un furbo, furbastro, scaltro ed ignorante o missionario...di questi ne siamo pieni, ne abbiamo a iosa...se così non fosse per esempio Lumia troverebbe qualche difficoltà a manovrare, ma avendo attorno a sè quel che ha...gli viene facile!
Poi,  ah si dunque nella corsa il  M5S....questi grilli salterini, che pare sorridano a Salvini...l'uomo di fiducia di La Vardera, no al contrario scusate...comunque troppo spesso attori di avanspettacolo, sono sempre alla ricerca dell'uomo giusto da presentare sul palco del teatro non capisco se pur sempre come comparse o come primi attori...non sono mai molto chiari. Il regista forse non sa se sono meglio come protagonisti da oscar...o come spalla, guitti, commedianti...cosa rende di più? Già i grillo, ortodetteri....
Poi c'è il solitario Musumeci...appunto è isolato, chi da fastidio viene isolato.....lo so!  Musumeci, rappresenta la destra, che ad oggi rappresenta più la sinistra...come cambiano i tempi! E' un uomo corretto, le accuse che gli si possono rivolgere bisogna cercarle e cercarle ...beh a cercare si trova sempre qualcosa...buttare una cicca dal finestrino dell'auto...per esempio...
Alla fine di tutto, non proprio alla fine..gli scenari cambiano continuamente..perchè gli interessi nello stare in politica sono tanti....ma così taaaaaaaaaanti!!! ma i soggetti sempre gli stessi... Va beh...Cupio dissolvi...è la scelta della gente che continua ad andare a votare sempre loro, che poi "schifia" (siculo puro) tutto l'anno, da anni ed anni.... ma sono intramontabili, perchè??? Chiediamolo a noi....Presidente della Regione??? beh...sarebbe cosa giusta che fosse di altra Regione...ogni presidente di regione dovrebbe essere di altra terra..
Riccarda 

martedì 6 giugno 2017

Marsala, Sicilia: 15 arresti sono affaristi della guerra

Un tempo scrissi che "affaristi" nord africani non arrivavano sui barconi...ma con voli aerei e s'incontravano stringendo accordi con nostri connazionali o europei vari e sparsi, ...beh..avevo sbagliato solo il mezzo, arrivano su gommoni da milionari...approdano in Sicilia "terra tappetino welcome" gli ultimi a Marsala.

lunedì 5 giugno 2017

succede che "la dignità"...da punti di vista diversi...

Pluri assassino, feroce…deve comunque avere la dignità di morire a casa…si….il suddetto è Riina, Totò Riina , a casa? Dignità? E la possibilità di dare qualche ordine e mettere in chiaro per benino i fili della ragnatela degli intrighi mafiosi e non…che gli si conceda anche questa possibilità..si, certo! Ritorniamo un attimo indietro…Vi ricordate di Falcone e Borsellino? Pare proprio di no…o meglio ancora è la conferma di quanto davano fastidio, non solo alla mafia, che definisco il braccio armato di uno Stato corrotto..uno Stato che si è messo dentro la magistratura e la magistratura si è messa dentro lo Stato, insomma camminano dandosi la manina e dandosi di gomito…le leggi? le condanne? la giustizia? La Cassazione ritiene che il poverello sta così male che non è giusto, anima santa! Anche se un Tribunale magari dice che il soggetto continua ad essere considerato pericoloso, se sta male, anzi malissimo, per la Cassazione come può essere pericoloso un ometto “u curtu” perchè tappo o “la belva” perchè estremamente feroce. A parte Falcone e Borsellino..ripercorriamo alcuni frammenti della storia di suddetto galantuomo: tra un arresto e l’altro, una latitanza e l’altra: 1969 Riina fu tra gli esecutori della cosiddetta «strage di Viale Lazio», 1971 Riina fu esecutore dell’omicidio del procuratore Pietro Scaglione, nello stesso anno partecipò ai sequestri a scopo di estorsione a Palermo: furono rapiti Giovanni Porcorosso, figlio dell’industriale Giacomo, e anche il figlio del costruttore Francesco Vassallo mentre nel 1972 Riina stesso ordinò il sequestro del costruttore Luciano Cassina: l’obiettivo principale di Riina non era solo quello di incassare il denaro del riscatto ma quello di colpire Badalamenti e Bontate, che erano legati al padre dell’ostaggio, il conte Arturo Cassina il quale aveva il monopolio della manutenzione della rete stradale, dell’illuminazione pubblica e della rete fognaria a Palermo. 1974 Riina divenne il reggente della cosca di Corleone, nel 1975 fece sequestrare e uccidere Luigi Corleo, suocero di Nino Salvo…ma il galantuomo non si ferma la scia di assassini: Di Cristina, Salvatore Inzerillo ed altre personcine a modo come lui…era una guerra di mafia tra cosche e potere..il legame con Ciancimino sancisce il suo ingresso nell’altro potere: quello politico, molto interessante! così giusto per dare una mano nel 1979 fu ucciso Michele Reina segretario DC che osteggiava i costruttori legati a Ciancimino e nel 1980 Piersanti Mattarella, Presidente Regione Sicilia che aveva un rapporto molto turbolento con Ciancimino ed i suoi affari…Chi da fastidio a Ciancimino…Riina lo fa fuori., (ma non dobbiamo ridurre tutto a Ciancimino…c’era Andreotti ed una DC molto attiva!). A Palermo inizia anche un certo svolazzamento di corvi le lettere anonime contro Falcone ed il Pool antimafia. Poi il resto si dovrebbe conoscere meglio…Colonnello Mori, il papello che era una serie di suggerimenti per ammorbidire le sentenze, abolizione della legge sui pentiti e revisione del Maxi processo. Maxi processo, che finì più a burla che ad altro visto il numero esiguo dei condannati rispetto all’esercito di delinquenti mafiosi presenti..Il capitano Ultimo dei Ros nel 1993 lo arresta… Riina: omicidio del colonnello Russo, il Giudice Ciaccio Montalto, Carlo Alberto Dalla Chiesa, Boris Giuliano…la lista è infinita come esecutore, come mandante lui “la belva” c’è..Ho volutamente tralasciato Falcone e Borsellino e gli uomini delle scorte..perchè è chiaro che la piramide degli omicidi di quest’uomo il cui culmine sono le stragi di Capaci e via D’Amelio è talmente dell’orrore che penso proprio che se si vuole offendere la dignità dei morti per mano sua e sputare sul lavoro onesto di uomini di Stato…beh..si mandatelo a casa a decidere le ultime cosette prima di finire all’inferno…sempre che il diavolo lo voglia accogliere tra le sue braccia. Quindi dire lo mandiamo a casa perchè è più morto che vivo..va beh..diciamo che mugugnando alquanto si potrebbe accettare con molta, molta fatica…ma parlare di dignità NO! Vediamo cosa succederà…


P.s.: 2012  i giudici scrivono che la trattativa tra Stato e Cosa nostra “ci fu e venne quantomeno inizialmente impostata su un do ut des…L’iniziativa fu assunta da rappresentanti dello Stato e non dagli uomini di mafia”.
Riccarda Balla

martedì 16 maggio 2017

Con un pò di buona volontà...ecco le motivazioni

Mi ero ripromessa di spezzare lance in favore di Orlando Sindaco di Palermo...Ieri, oggi e chissà domani...Mantenere la promessa a riguardo ha causato grande spremitura delle meningi, già consunte per i fatti loro...ma con buona volontà forse ci sono riuscita. Il percorso Arabo-Normanno, una trovata eccezionale, tanto da far si che "Orlando" sia oggi tra i patrimoni dell'Unesco, capite cosa ha fatto? un percorso Arabo -Normanno, una novità mai esistita negli anni precedenti, pietra, su pietra, cupola, su cupola, mosaico su mosaico, ed  ecco che Palermo si ritrova con cose mai esistite prima. Poi...si dunque..ah! certo perchè sperperare più di 18 mln di euro per acquistare piccoli e grandi bus elettrici, che intaserebbero le vie, vederli sfrecciare continuamente, percorrendo tutta la città silenziosamente, collegare tutta la città..perchè? Piccoli e grandi autobus elettrici, che cosa poco raffinata per cotanta città, molto meglio il tram su rotaia...poche linee per grandi trincee...