BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA
Visualizzazione post con etichetta Servizi Segreti. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Servizi Segreti. Mostra tutti i post

lunedì 30 gennaio 2017

Trump rivuole la tortura

Una bozza di un decreto presidenziale fatta circolare nei giorni scorsi dalla Casa Bianca ha aggiunto un nuovo motivo di allarme per i contorni che minaccia di assumere precocemente l’amministrazione entrante di Trump. Il documento, non confermato dallo statf del neo-presidente, è stato pubblicato mercoledì da New York Times e Washington Post e sembra gettare le basi per un possibile ritorno alle detenzioni arbitrarie e alle torture di presunti terroristi da parte della CIA autorizzate da George W. Bush dopo l’11 settembre 2001.

lunedì 23 gennaio 2017

Trump (Cia) ci cybersorveglia tutti

Il nuovo presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha parlato sabato al quartier generale della CIA in Virginia e, forte di alcune nomine di suo pugno, ha completamente cambiato l’atteggiamento nei confronti dei servizi segreti: ora non solo gli stanno bene, ma assicura di essere dalla loro parte e che nessuno più di lui rispetta questi staff.

domenica 22 gennaio 2017

Cosa fu il sanguinoso Plan Condor in America Latina?

Cosa fu il Piano Condor. Un documento declassificato della CIA in data 23 giugno, 1976 è l’origine del Piano Condor che venne messo in pratica negli anni 70 E 80. Agenti di sicurezza Argentina, Cile, Uruguay, Paraguay e Bolivia si incontrarono a Buenos Aires per coordinare su scala internazionale la “guerra sporca” contro i movimenti comunisti, o più in generale di opposizione alle dittature. In seguito si unirono Brasile, Perù ed Ecuador. Per i vertici di questi paesi sarebbe stato possibile realizzare un simile piano solo attraverso la condivisione di informazioni, azioni e metodi di interrogatorio, tortura, carcerazione, sparizione.

mercoledì 25 novembre 2015

di marcello scurria: ERDOGAN CI LASCIA LO ZAMPINO


Sono rimasto di stucco nell'apprendere che Erdogan o chi per lui, ieri ha abbattuto un caccia sovietico facendo morire anche il suo pilota. Già, perché il pilota che è morto fa notizia a spizzichi e bocconi rispetto alla notizia dell'abbattimento aereo. Ma è questo il caso che la morte di uno salva la vita di molti? Non so rispondere; è troppo per me, anche se non mi manca il buon senso. E' sempre difficile per un osservatore senza specifiche e onnivoro come sono io, commentare un accaduto  che appaire in tutta l'insulsaggine anche ad un bambino. Se oggi si chiede come un qualsiasi adulto se potrà salire sull'aereo e finire il suo viaggio, non è cosa da poco. Mi scuote l'impensabile antagonismo tra turchi e russi e la contraddizione manifesta con cui la collaborazione internazionale è tradita negli impegni programmatici, nelle aspettattive di azione militare congiunta, nelle iniziative diplomatiche in cerca dei dialoghi per mettere ordine al caos in cui versa l'occidente minacciato dall'IS. Certo, l'IS è un governo sedicente. Un governo nato e incredibilmente cresciuto alla stessa maniera di un pazzo che un giorno qualsiasi si proclama Sindaco della Città di Palermo, pena la morte dei cittadini che osino dire di no.

venerdì 20 febbraio 2015

NSA e GCHQ hanno la chiave delle SIM Card

La U.S. National Security Agency (NSA) e l’omologa GCHQ (Government Communications Headquarters) del Regno Unito avevano in mano le chiavi per entrare in gran parte delle SIM Card esistenti al mondo. La rivelazione giunge ancora una volta da un documento diramato da Edward Snowden, la talpa che ha fatto esplodere l’incredibile scandalo delle intercettazioni con cui gli Stati Uniti ed altri paesi hanno spiato il mondo intero. Il documento è stato pubblicato online da “The Intercept”.

giovedì 22 gennaio 2015

Così l'Europa rischia di perdere la libertà

La tragica vicenda di Charlie Hebdo ha interrogato l'Europa su quali siano i limiti della satira. È possibile scherzare su tutto? Ci sono argomenti che è meglio non toccare per garantire l'incolumità non solo di chi fa satira ma anche della popolazione tutta?

venerdì 9 gennaio 2015

#CHARLIEHEBDO: LA DISFATTA DEI SERVIZI SEGRETI FRANCESI


attentato

Com’era facilmente prevedibile i due fratelli Kouachi sono stati entrambi uccisi durante un blitz delle teste di cuoio, portandosi nella tomba le risposte a molti interrogativi sull’attentato a Charlie Hebdo, che ha tutte le fattezze del terrorismo ascrivibile alla “strategia della tensione.”
Si tratta quindi di un attentato falsa bandiera in stile New York 9/11?

giovedì 8 gennaio 2015

#CharlieHebdo. QUEL FORTE ODORE DI FALSE FLAG

Chiedersi se siano stati gli islamici a compiere la strage francese è come chiedersi se siano stati i comunisti ad ammazzare Moro.

martedì 4 novembre 2014

ISIS ..il temporeggiare da parte dell' Intelligence americana....

Già nel maggio, l'amministrazione Obama aveva informazioni   specifiche circa la posizione di  James Foley e altri ostaggi detenuti in Siria, una fonte vicina  a Fox News ha comunicato la notizia ma la missione di salvataggio è stato approvata solo all'inizio di luglio.

lunedì 1 settembre 2014

Lodo Moro. Quei patti inconfessabili tra Sismi e terrorismo palestinese

Lodo Moro. Quei patti inconfessabili tra Sismi e terrorismo palestineseCon l'imperversare della crisi di Gaza, tutti hanno imparato a conoscere Hamas. Chiunque, adesso, sa che si tratta di un'organizzazione paramilitare e terrorista, contro cui si è scatenata la furia di Israele con quello che ne è conseguito: un vero e proprio genocidio di innocenti, arabi colpevoli semplicemente di essere non ebrei.

lunedì 14 luglio 2014

I fondamentalisti di Al Qaeda al servizio della Cia

La denuncia shock arriva dallo sceicco Nabil Naim, ex dirigente di Al Qaeda, secondo il quale, tutti i movimenti fondamentalisti affiliati ad Al Qaeda, compreso lo Stato islamico dell’Iraq e Levante (Isil) sarebbero al servizio della Cia.

sabato 15 marzo 2014

L'EX CAPO DELLA SICUREZZA: "A MAJDAN C'ERA LA CIA"


majdancia

Ucraina. Intervista di Yakimenko alla tv russa
Da ieri sera Alek­sandr Yaki­menko impazza su tutte le reti tele­vi­sive russe. Era il capo dei ser­vizi di sicu­rezza ucraini con Yanu­ko­vic, è fug­gito in Rus­sia con l’altra fac­cia della meda­glia della tra­ge­dia di Kiev e l’ha rac­con­tata in tv. Lui sa molte cose, tra cui chi sono quelli che hanno messo in azione i cec­chini che spa­ra­rono con­tro poli­ziotti e dimo­stranti quel 20 feb­braio. E ha fatto i nomi, uno die­tro l’altro. E non si è fer­mato ai nomi degli ultimi e penul­timi ese­cu­tori dell’operazione-diversione, ma è andato diritto alla defi­ni­zione dei mandanti.

giovedì 21 novembre 2013

Emanuela Orlandi. vittima del Gioco Grande


emanuela_orlandiEra il 22 giugno del 1983. Fu allora che ebbe ufficialmente inizio il mistero della sparizione di Emanuela Orlandi, la quindicenne figlia di un commesso della prefettura Vaticana, scomparsa nel nulla dopo essersi recata alla scuola di musica che frequentava, in piazza Sant'Apollinare, nella Capitale.

venerdì 27 settembre 2013

Nairobi. Chi c’è dietro l’assalto al centro commerciale?


Gladio a Nairobi. Chi c'è dietro l'assalto al centro commerciale?L'inferno che si è scatenato, il 21, a Nairobi, presso il centro commerciale Westfield, ha lasciato il mondo senza parole a causa della ferocia con cui i terroristi somali di Al Shabaab hanno massacrato decine di innocenti. Un incubo proseguito per giorni nell'incertezza e nella violenza, che si è risolto soltanto con la liberazione degli ostaggi e la sconfitta dei criminali.

sabato 21 settembre 2013

MSRA, il nuovo progetto Usa di spionaggio globale


anonymous

Cos'è MSRA:
MSRA è un progetto governativo, nato da dipartimenti, agenzie e aziende private americani/e, questo progetto è aperto a queste società  e il suo scopo principale è quello di poter creare un architettura  per violare dei dispositivi mobili (per ora), il progetto è nato  come progetto di sicurezza, facendo ciò, loro hanno studiato a fondo come  poter violare un dispositivo, studiando,  hanno capito le vulnerabilità e quindi alla fine è un progetto difesivo governativo.

venerdì 5 luglio 2013

11 SETTEMBRE 2001: INSIDE JOB O MOSSAD JOB?



Il ruolo di Israele negli eventi dell'11 settembre 2001 è oggetto di aspre polemiche, anzi di un vero e proprio tabù, anche all'interno del "movimento per la verità dell'11 settembre" (9/11 Truth Movement). La maggior parte dei gruppi di difesa, mobilitati dietro lo slogan "l'11/9 è stato un affare interno" (l'11 settembre è stato un inside Job) restano scettici di fronte alle evidenze che coinvolgano i servizi segreti dello Stato ebraico. 

martedì 28 maggio 2013

Trapani-Mogadiscio: un intreccio di servizi deviati, Gladio e mafia


kinisia

Tante, troppe coincidenze, particolari che si intrecciano e si incrociano, contorni che si definiscono. L'asse tra Italia e Somalia, Trapani e Mogadiscio: un intreccio di servizi deviati. Gladio, mafia, traffico d'armi e scorie radioattive.Strane commistioni tra apparati dello Stato e soggetti criminali, segreti all'apparenza impenetrabili e una città, Trapani, dove questi misteri confluiscono e svaniscono nelle stanze di una massoneria che si confonde e si mischia con il potere costituito, con l'imprenditoria, con le banche e con la mafia.

mercoledì 15 maggio 2013

Ecco a voi chi ha ucciso Moro

Roma, via Caetani, 9 maggio 1978 – il ritrovamento del corpo di Aldo Moro appena ucciso!

In Italia qualcuno se n’è accorto? O meglio a qualcuno interessano democrazia, libertà e indipendenza politica? Steve Pieczenik inviato in missione da Washington, dopo 30 anni ha vuotato il sacco:

sabato 2 marzo 2013

Italia: Servizi segreti lanciano allarme attentati. La Cia torna con gli anni di piombo?



L’Italia e’ in una situazione di impasse politica. Dopo la reazione dei mercati e dello spread che hanno in qualche modo punito gli italiani per non avere dato il voto al loro beniamino, dopo che gli italiani hanno disobbedito all’alleato-padrone Obama che voleva continuare con la linea del rigore, ecco che arriva anche l’avvertimento dei servizi segreti italiani per quanto riguarda possibili nuovi attentati terroristici di grandi dimensioni.

martedì 15 gennaio 2013

Stragi ’92. Il carteggio inquietante dei servizi segreti.


Stragi '92; il carteggio inquietante dei servizi segreti

318. E' il numero dei documenti top secret che sono stati inseriti nella relazione conclusiva della commissione parlamentare antimafia sulle stragi del '92, in cui persero la vita Falcone Borsellino.
Documenti segretissimi, provenienti dall'Aise, l'ex Sismi, e dall'Aisi, l'ex Sisde. I servizi segreti militari e civili.
A richiederli sono state la procura di Caltanissetta e dell'Antimafia, in cerca di qualche atto che aiuti a far luce su una delle pagine più buie e misteriose della recente storia d'Italia.