BENVENUTI SU FREE-ITALIA

lunedì 5 dicembre 2016

#Postreferendum, A #Renzi diamo l'onore delle armi

Il No ha salvato la Costituzione, la più bella del mondo se fosse attuata totalmente. Però rendiamo a Matteo Renzi almeno l’onore delle armi. Lo scriviamo da convinti antirenziani della prima ora.

IL NO IN NUMERI

Possiamo trovare prime indicazioni di carattere politico, rispetto all’esito del referendum costituzionale svoltosi ieri, cominciando ad analizzare qualche numero. Una analisi condotta, per adesso, in maniera superficiale ma che nei prossimi giorni potrà essere ampliata attraverso un’accurata analisi dei flussi.

Vince la Costituzione. E questa è una buona cosa. ORA TOCCA A NOI

Ha vinto la Costituzione. E questa è una buona cosa per tutti, per l' Italia e le sue cittadine e cittadini, per la democrazia e per l' Europa che ha bisogno di averla una Costituzione e non di veder deperire quelle esistenti. Ha vinto la Costituzione con un suffragio popolare partecipatissimo e con un esito limpido. Ha vinto perche' in un momento di scossoni e di disagi crescenti e' sembrata giustamente al popolo italiano un punto di riferimento sicuro, il meglio della propria Storia, ancora valida per stare in un presente periglioso. 

sabato 3 dicembre 2016

Lo spettacolo della Luna, Marte e le stelle cadenti del 5 dicembre

Tutti pronti per lo spettacolo della luna e Marte il 5 dicembre? Oltre al romantico abbraccio tra Venere e la luna di stasera, tocca al pianeta rosso. Ma non sarà l’unica meraviglia da osservare. Il 05 dicembre, infatti, le stelle cadenti sigma Hydridi saranno ben visibili.

venerdì 2 dicembre 2016

Le migrazioni ambientali sono un dramma odierno e futuro

Oggi si sta riproponendo una leva alla migrazione che da molo tempo non compariva sulla scena. I cambiamenti ambientali e climatici che stanno subendo un’accelerazione notevole in questi anni diventeranno a breve un motivo in più per indurre la mobilità umana.

Riflessione sul voto e sugli endorsment al tempo del web


A poche ore al voto per il referendum costituzionale, potremmo renderci conto di aver commesso una ingenuità. “Potremmo”, plurale, nel senso che una certa comunità ha avuto questa forte tentazione e vi ha ceduto senza opporre resistenza alcuna. L’ingenuità commessa è quella della dichiarazione di voto. E la community è quella del cosiddetto “popolo della rete”, quel popolo inesistente che è identificato semplicemente in funzione della frequentazione del Web. Ecco delle riflessioni:

giovedì 1 dicembre 2016

Hasta siempre comandante, ci mancherai

C’è stato chi lo ha chiamato “rivoluzionario” e chi “dittatore”. Chi lo ha amato, tanto da restargli a fianco sempre, nonostante le molte ombre che lo avvolgevano, e chi, invece, lo ha odiato e cercato di eliminare in ogni modo. C’è chi, come noi, lo ha considerato e sempre sarà un mito. 

mercoledì 30 novembre 2016

Pena di morte: l'abolizione nel Granducato di Toscana



Il 30 novembre 1786 il Granduca di Toscana Pietro Leopoldo (Leopoldo II d'Asburgo-Lorena) promulgò a Pisa il codice leopoldino (detto anche "Leopoldina") ossia la riforma delle leggi penali con la quale venne per la prima volta nella storia abolita la pena di morte in uno stato.

martedì 29 novembre 2016

Fiume Sand Creek


Fiume Sand Creek
Mi è capitato ultimamente di poter rileggere con più attenzione il testo di Fiume Sand Creek di Fabrizio De André. Pur avendo sempre amato questa canzone, non mi ero mai reso conto dell’effettivo significato delle parole. Come immagino molti di voi sappiano, il brano si ispira al massacro di Sand Creek: la devastazione di un villaggio di Cheyenne e Arapaho operato dal colonnello statunitense John Chivington nel 1864. Sono convinto che si tratti di una delle poesie più belle di De André e vorrei analizzarne brevemente i versi.

lunedì 28 novembre 2016

Il governo Renzi è già un “governo tecnico”

Nel seguire una campagna elettorale che non sta funzionando, Renzi ha tirato fuori, in caso di vittoria del “NO” (auspicabile) il 4 Dicembre, la prospettiva del “governo tecnico” considerata dal suo punto di vista un “pericolo”.   C’è da chiedersi allora che cosa si intende per “governo tecnico”?